Archivio Contenuti: Segnalazioni & News

‘Brain circulation’ o ‘Brain drain’? La mobilità nelle scienze sociali e umane

Consiglio Nazionale delle Ricerche

L’Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Cnr pubblica sull’International Journal of Computational Economics and Econometrics uno studio sui percorsi di carriera dei ricercatori europei nelle scienze sociali e umane. L’investimento del paese d’origine in Ricerca e sviluppo è tra i principali fattori che spingono i ricercatori al rientro, mentre la presenza di due o più figli ostacola mobilità e carriera. Solo l’1,3% dei ricercatori stranieri analizzati sceglie l’Italia per il dottorato, a fronte di percentuali nettamente maggiori in Germania, Regno Unito e Francia, mete preferite anche dagli italiani che dopo il dottorato si trasferiscono e rimangono all’estero.

Voneinander lernen, miteinander gestalten

DAAD-Alumni-Vereine

Col titolo “Voneinander lernen, miteinander gestalten” sono state pubblicate sul sito web del DAAD le interviste raccolte nel marzo 2019 nell’ambito del DAAD-Alumni-Vereine. Tra queste anche il contributo del nostro Presidente Sandro M. Moraldo.

Collegamenti esterni

Seminario #Europa – #Europae

Europa frammentazione

“#Europa – #Europae. L’Europa tra frammentazione neo-nazionalista e integrazione continentale” è il tema del seminario che si terrà giovedì 9 maggio a Roma in occasione della Festa dell’Europa.

Il seminario è in programma a partire dalle ore 9.00 e sino alle 14.00 presso la sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro, sede del Senato in piazza Capranica.

Kosmos nel XXI secolo (Villa Vigoni 2019)

Alexander von Humboldt

Il prossimo appuntamento dei soci della Associazione Italiana Alexander von Humboldt (AiAvH), previsto per il 2019, cadrà in coincidenza con il 250esimo anniversario della nascita di Alexander von Humboldt (1769-1859). Per l’occasione, il tema del convegno ricorderà la sua ultima opera, Kosmos (prima edizione 1827), grande affresco del globo terracqueo della prima metà dell’Ottocento e testamento culturale dell’autore.

Il convegno Kosmos nel XXI secolo avrà luogo nei giorni 11-14 aprile 2019 presso la sede di Villa Vigoni a Loveno di Menaggio (Como) e vedrà la partecipazione del Presidente ADIT Sandro M. Moraldo che porgerà i saluti della nostra associazione.

Das Italien des Alfred Andersch

Alfred Andersch

Istituto Italiano di Studi Germanici
Rom, 28. – 29. März 2019

INTERNATIONALE TAGUNG:
DAS ITALIEN DES ALFRED ANDERSCH

Interkulturalität und Intermedialität in der Nachkriegsliteratur

Organisation:
Prof. Dr. Arturo Larcati (Universität Verona)
Prof. Dr. Lucia Perrone Capano (Universität Foggia)

Julia Draganović nuova Direttrice di Villa Massimo

Ambasciata della Repubblica Federale di Germania

L’attuale Direttrice della Kunsthalle Osnabrück, Dr. Julia Draganović, da luglio 2019 sarà la nuova Direttrice dell’Accademia Tedesca di Roma. Lo ha comunicato oggi il Ministro Aggiunto per la Cultura Monika Grütters. “Con Julia Draganović avremo alla guida della più rinomata residenza tedesca per artisti all’estero una manager culturale altamente qualificata ed esperta nel panorama artistico contemporaneo. Nel corso della sua lunga attività lavorativa in Italia ha dimostrato che le relazioni italo-tedesche le stanno molto a cuore. Possiede quindi i migliori requisiti per essere un’interlocutrice competente per i borsiti di Villa Massimo a Roma e di Casa Baldi a Olevano Romano. Sono convinta che Julia Draganović manterrà alto il prestigio dell’Accademia Tedesca di Roma e porrà anche accenti propri come nuova Direttrice.”

Presentazione Limes numero 12/18 “Essere Germania”

Limes "Essere Germania"

“La Germania è la grande sinfonia incompiuta della geopolitica europea. Come la Decima di Beethoven, sul cui mistero i musicologi s’accapigliano, così la Bundesrepublik resta enigma. È nazione infine «normale», come vorrebbe l’oleografia ufficiale? È egemone in fieri, vocato a sperimentare su popoli meno elevati la propria superiorità morale, stando alla germanofobia latente ma immortale – professione più che opinione? Due volte no. Unica certezza: essere Germania è difficile…”.

Queste le parole dell’editoriale che introducono l’ultimo numero del 2018 della rivista “Limes”, interamente dedicato alla situazione attuale della Germania e intitolato Essere Germania. Il volume sarà presentato giovedì 28 febbraio 2019, presso il Circolo Ufficiali Marina Militare di Napoli, con la partecipazione, tra l’altro di due soci ADIT, Elda Morlicchio e Andrea D’Onofrio, accanto a Niklas Wagner, capo dell’Ufficio Politico dell’Ambasciata Tedesca a Roma, Dario Fabbri, giornalista e consigliere scientifico della rivista «Limes» e Maria Carmen Morese, direttrice Goethe-Institut di Napoli.

Il Trattato franco-tedesco di Aquisgrana

federalismo.it

Riceviamo e volentieri segnaliamo un interessante contributo del nostro socio e segretario Andrea De Petris, scritto a quattro mani con il Dott. Giuseppe Allegri su un argomento di pressante attualità nelle relazioni italo-tedesche: “Il Trattato franco – tedesco di Aquisgrana: pericolo o opportunità per il futuro dell’integrazione europea?”.

Collegamento esterno

“Non fare il tedesco! La Germania secondo gli italiani”

Non fare il tedesco

I nuovi dati sull’opinione degli italiani sulla Repubblica Federale di Germania, elaborati nel sondaggio “Non fare il tedesco! La Germania secondo gli italiani” condotto dall’Istituto Piepoli per conto dell’Ambasciata tedesca, mostrano chiaramente una cosa: ci potremmo conoscere meglio.

“Italia e Germania: siamo famiglia, pensiamo di conoscerci bene, ma in realtà – nonostante la nostra lunga storia condivisa – a volte emerge quanto ci conosciamo poco. Questo sondaggio lo dimostra”, commenta l’Ambasciatore tedesco Viktor Elbling.

“Der Stellenwert der deutschen Sprache in Italien”: intervista a Sandro M. Moraldo

Der Stellenwert der deutschen Sprache in Italien

Sul sito delGoethe-Institut  è stata pubblicata una intervista al nostro presidente Sandro M. Moraldo sullo stato dell’arte della lingua tedesca in Italia:

DER STELLENWERT DER DEUTSCHEN SPRACHE IN ITALIEN
7 FRAGEN AN SANDRO MORALDO
Welchen Stellenwert nimmt die deutsche Sprache heutzutage in Italien ein? Mit Dr. Sandro M. Moraldo haben wir über Perspektiven und Herausforderungen des Deutschen zwischen Bozen und Palermo gesprochen. Er ist Professor für Neuere deutsche Literatur, Kultur und Sprache an der Universität Bologna, Vorsitzender von Alumni DAAD Italien (ADIT) und Herausgeber des Sammelbands „Die deutsche Sprache in Italien – Zwischen Europäisierung und Globalisierung“ (2017).